Giuseppe Veneziano - Write Up Site. L'editoria a portata di mano

Vai ai contenuti

Menu principale:

Giuseppe Veneziano è nato a Genova nel 1959. In giovanissima età è diventato socio della Sezione Astrofili dell’Università Popolare Sestrese, una delle prime università popolari d’Italia, fondata nel 1907, con sede a Genova Sestri Ponente. Dal 1973 al 1984 è stato tra i soci fondatori dell’Osservatorio Astronomico di Genova, gestito dalla stessa Università Popolare. Dopo l’inaugurazione della struttura, è entrato a far parte del Consiglio Direttivo dell’Osservatorio, dove ha rivestito gli incarichi di Segretario e di Responsabile alla Divulgazione. Negli anni accademici dal 1997 al 2000 e nel biennio 2002-2003 ha ricoperto la carica di Direttore e, attualmente, è Responsabile della Didattica dell’Astronomia. Per una ventina d’anni si è dedicato all’astronomia pura interessandosi in particolar modo di comete e di spettrografia stellare. Nel frattempo, nell’ambito di una caratterizzazione del sito su cui sorge l’Osservatorio, ha portato avanti uno studio pluriennale sulle precipitazioni atmosferiche e sulle sue implicazioni chimico-fisiche a livello locale. Intorno al 1995, l’incontro con alcuni studiosi di archeoastronomia, tra i quali il prof. Vittorio Castellani, ha fatto maturare una svolta nel suo campo di interessi, che lo ha portato ad un sempre maggiore impegno nello studio di questa relativamente nuova materia. Nel 1997 è stato tra i soci fondatori dell’Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici (A.L.S.S.A.), una delle prime associazioni italiane a livello regionale per lo studio dell’archeoastronomia. È attualmente Presidente di questa associazione per la quale organizza gli annuali seminari scientifici. Dal 2005 è membro della Società Italiana di Archeoastronomia (S.I.A.), con sede presso l’Osservatorio Astronomico di Brera, a Milano. In anni recenti ha collaborato con altri ricercatori contribuendo allo sviluppo di nuove interpretazioni archeoastronomiche. Tra queste si ricordano: una nuova ipotesi sulla “stella di Betlemme” e sulla correlazione tra la cronologia biblica ed il fenomeno astronomico della precessione degli equinozi, in collaborazione con Mario Codebò ed Ettore Bianchi; lo studio di una incisione rupestre dell’Età del Rame, la cosiddetta “Roccia del Sole” in Val Camonica (Brescia), interpretata come una “meridiana stagionale”, in collaborazione con Giuseppe Brunod e Mauro Cinquetti; lo studio degli orientamenti astronomici della celebre Villa Adriana di Tivoli e di altri monumenti di epoca romana, in collaborazione con l’archeologa Marina De Franceschini; gli orientamenti celtici del castrum romano di Torino, in collaborazione con lo studioso di archeologia e storia antica Piero Barale.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu